mercoledì 1 dicembre 2010

Crema di barbabietole rosse crude

Mattonella di farro con crema di barbabietole crude e verza
Il colore trae in inganno, non si tratta di gelato al lampone, ma di una crema realizzata frullando a più non posso 2 piccole barbabietole rosse, crude, qualche foglia di lattuga cruda, un panetto di tofu, una manciata di capperi sotto sale, un pomodoro secco sott'olio, olio evo, sale, una tazza di fagioli rossi precedentemente messi a bagno e cotti, un cucchiaino di senape.
un piccoloatavola... guarnisce!
Le ricette dei piccoliatavola non vengono studiate a tavolino, ma fatte con quello che c'è in casa, questo è il bello, si sperimenta, ci si arrangia, il colore che ne è venuto fuori è stato una bellissima sorpresa che ha colpito soprattutto i bambini. Per loro questa è una crema molto stuzzicante, bellissima non solo da mangiare, ma anche per giocare!
Per completare abbiamo fatto una mattonella con il farro bollito condito solo olio e sale rosa. Per guarnire verza tagliata a listarelle condita olio, sale e semi di papavero.
Piatto unico, completo, coreografico e giocherellone!
Buon appetito a tutti!

Zuppa all'usticese

Altro non è che la tradizionale zuppa di lenticchie dell'isola di Ustica. La potrete assaggiare alla Libreria Il Mare di via di Ripetta a Roma in occasione della manifestazione Ustica Saperi e Sapori. Guarda caso è assolutamente Veg e nella sua versione invernale perfettamente adatta ad una cena Natalizia cruelty free.
La ricetta della zuppa che gusterete giovedì 2 dicembre  verrà cucinata dal cuoco del ristorante Antica Hostaria al Vantaggio che si trova nell'omonima via a due passi dalla libreria.
La zuppa di lenticchie tradizionale viene preparata nelle famiglie usticesi con  ingredienti che variano a seconda della stagione e del gusto di chi la mangia, salvo restando ovviamente cipolla, aglio, pomodori e lenticchie.
Nella versione estiva si utilizzerà la zucchina lagenaria con i suoi germogli, detti tenerumi e il basilico a fine cottura. Nella versione invernale, la zucchina può essere sostituita dalla zucca rossa e il tenerume dalla bieta. A piacere possono essere aggiunte patate (i piccolia a tavola però le sconsigliano). Ulteriori versioni prevedono la presenza di sedano, cavolfiore o broccoletti. Come aroma vengono usate foglie di finocchio selvatico o rosmarino. Sempre a piacere si può aggiungere del peperoncino. Si può mangiare da sola o a minestra con spaghetti spezzati. >> vai al blog della Libreria Il Mare